Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Portuguese Russian Spanish

Transito ISS sul Sole

Ho sempre voluto fotografare la ISS, da quando anni fa vidi i risultati ottenuti da Legault, un vero professionista del genere che progettò e costruì con un amico le modifiche hardware e software della astrophysics per l'inseguimento della stessa.
Non ho mai preteso di raggiungere tali risultati impossibili a noi comuni mortali, ma almeno di riuscire a immortalarla.
Cosi grazie al sito calsky ricevo le notifiche di quando ci sarà un transito ad una distanza accettabile ma tra il meteo, gli impegni e magari la stanchezza sono stati davvero pochi i passaggi che ho potuto osservare, sempre a focali basse e mai transiti sul sole.

Questa volta l'unica giornata di sereno dalle mie parti è capitata di sabato, libero da impegni e con un transito; non avevo scuse.
Sveglia presto per montare tutto con relativa calma, il primo transito sulla luna (si ce ne sono stati due nell'arco di 2 ore) l'ho perso perchè era troppo bassa ed avevo alberi a occultarmi la visuale, ma per il secondo a cui puntavo ero pronto davanti al monitor.

Per l'occasione ho voluto provare dei raccordi che usavo sul Lunt, per ridurre al massimo la focale ed avere cosi maggiori possibilità di fotografare la ISS, perchè per quanto sian precisi i bollettini, i calcoli orbitali sono approssimativi ed infatti avrebbe dovuto passare al centro del campo inquadrato. Ho fatto partire le riprese un minuto prima dell'ora prevista e quando ormai pensavo di averla mancata eccola li sfrecciare nell'inquadratura in una frazione di secondo; 4 frame e mezzo, il quinto è tagliata a metà.
Per quanto abbia provato a muovermi verso il basso era ormai lontana ma rimane comunque un bel ricordo, è la prima volta che riesco a distinguere la forma della siluette, di solito eran sempre macchie sfuocate e mosse (Shutter = 0.624ms).

La giornata è poi proseguita fotografando dettagli del disco a diverse focali nella speranza di compensare il seeing terribile e bloccare quei pochi istanti stabili che ogni tanto si presentavano.
Visto poi che la situazione non migliorava sono rientrato per costruire un filtro a luce bianca per il rifrattore per provare a fotografare il disco intero con la reflex ma quando sono poi tornato fuori il cielo si era ormai velato e il fronte nuvoloso che il giorno seguente ha portato la neve stava già arrivando. Ho fatto un centinaio di scatti veloci ma mi riprometto di provare con più calma.
Ho notato però che la canon 1100d non mi permette di zoomare oltre il 2x nel live view, un po' castrante per la messa a fuoco.