Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Portuguese Russian Spanish

Week-end all'insegna del Sole

Sebbene per il weekend fossero previste in arrivo nuove perturbazioni, per mezzogiorno il cielo si è rasserenato mostrando un bel blu indice di alta trasparenza dovuta alle tante precipitazioni che han pulito l'aria. Una leggera brezza mi rinfresca mentre decido di montare il telescopio, memore ormai del fatto che ogni schiarita è da cogliere al volo, non si sa mai quando se ne presenterà un altra.

Il seeing si dimostra stranamente migliore delle ultime sedute, sebbene in teoria sia uno squarcio tra due perturbazioni in successione, ovvio la qualità media è scarsa e si alternano momenti di forte turbolenza che impasta del tutto i dettagli, ma ogni tanto si presentano momenti di quiete e trasparenza che mi fan apprezzare più del solito i dettagli della nostra amata stella.

b_200_200_16777215_00___images_sole_protuberanza_2013-05-11.jpg b_200_200_16777215_00___images_sole_protuberanze_2013-05-11.jpg b_200_200_16777215_00___images_strumenti_solar-station.jpg

Per la giornata avevo già preso impegni ma decido lo stesso di cimentarmi in un timelapse, non prima di aver ripreso qualche filmato delle zone attive del disco; esplorando la superficie mi imbatto in un paio di macchie sul bordo, appena sorte, una delle quali sta eruttando un piccolo filamento di plasma. Decido cosi di seguire la sua breve evoluzione, in poco più di 10 minuti si esaurisce.
Passo quindi al soggetto della seduta, una protuberanza gigantesca, in realtà sono tre incatenate tra loro, prima eseguo le riprese per un mosaico di insieme quindi decido di seguire per un'oretta il corpo centrale. Risulta un po' ostico trovare una giusta esposizione perchè a fianco ad una struttura a fiamma particolarmente delicata e debole, si staglia una protuberanza turbinosa molto attiva e luminosa; decido per sosvraesporre leggermente il tronco della seconda per avere qualche dato extra sulla prima tenendo un gamma più alto a scapito di un po' di contrasto.



Prima di sbaraccare tutto decido poi di riprenderne un dettaglio a piena focale e ne approfitto per immortalare anche una piccola protuberanza che a focale ridotta risultava poco appariscente.

L'indomani, dopo essermi dedicato ai doveri di giardinaggio, ho potuto rilassarmi osservando il Sole.
Erano presenti diverse zone interessanti sul disco, vicino ai bordi, oltre a molte piccole protuberanze di diverse dimensioni, tra cui una spiccava come imponenza, la stessa formazione che ormai da 3 giorni da spettacolo, con cambiamenti nella forma ma persistente. Tante piccole fiammelle sono invece disseminate sulla circonferenza, oltre a due formazioni abbastanza generose una però di luminosità veramente flebile.

Ho provato dapprima a riprendere con il solo riduttore ma il seeing si è dimostrato peggiore di ieri ho cosi montato una piccola prolunga che mi permette di scendere ulteriormente di focale raggiungendo un campionamento più accettabile per le condizioni, intorno ai 2 metri. In queste condizioni ho effettuato qualche ripresa delle formazioni principali, perdendo effettivamente molto tempo in attesa di qualche momento di stabilità. Avrei voluto seguire l'evoluzione della protuberanza principale e di una zona attiva ricca di filamenti ma ho desistito per le avverse condizioni.
Tra le foto potete vedere la postazione che uso in queste mie sessioni fotografiche, devo ammettere che da quando la uso la mia vita è migliorata.


b_200_200_16777215_00___images_sole_mosaico_sole_2013-05-12.jpg b_200_200_16777215_00___images_sole_protuberanza2_2013-05-12.jpg b_200_200_16777215_00___images_sole_protuberanza_2013-05-12.jpg