Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Portuguese Russian Spanish

Test errore periodico EQ6

Approfittando di una serata libera con cielo decente ho voluto provare a calcolare l'errore periodico della mia montatura, per rendermi conto se ci sono scatti improvvisi che mi renderebbero imposibile fare una autoguida decente sulla focale del C11 appena preso. Non lo aveva mai fatto quindi dopo essermi documentato velocemente online ho installato PHD Guiding e verificato che vedesse le mie webcam. Sia la Chameleon che la QH5 (Magzero) venivano riconosciute ma con la prima ho avuto problemi a far dialogare i driver Ascom con la montatura tramite la seriale, cosi ho deciso per la via più semplice ed usare l'autoguida interna della Magzero e bypassare cosi la seriale.

Ho posizionato il sensore ortogonale rispetto agli assi di rotazione e seguendo le guide online ho attivato il log delle correzioni in PHD, e disabilitato l'invio dei comandi alla montatura, in modo da avere solo il movemento siderale attivo sulla EQ6. Avendo fatto un po' di fretta lo stazionamento non era dei migliori e mi sono accorto che alla focale di 2800mm la stella usciva dall'inquadratura del sensore troppo velocemente cosi ha aggiustato un po' con il metodo Bigourdan in modo da tenerla inquadrata il tempo sufficiente a registrare almeno un periodo intero della corona.

Ho registrato 3-4 log diversi per avere poi una media ed a questo punto ho installato PEAS per l'analisi del log acquisito in modo da astrarne l'errore periodico in un grafico comprensibile. Ho anche provato PECPrep ma non sono risucito a trovare un template di importazione dei log che mi interpretase i dati di PHD in modo corretto, ottenevo sempre dei grafici assurdi. Con PEAS scegliendo uno dei vari template di PHD disponibili ed inserendo i dati richiesti (focale, dimensione pixel del sensore e declinazione stella) ho ottenuto questo grafico.



Non ci sono picchi o scatti improvvisi ed è abbastanza morbido ma non si può certo dire che sia una gemini con +/- 4"; guardando però il grafico si indivdua una sequenza ricorrente dell'ingranaggio che sembra però traslarsi sull'asse Y, forse registrando un periodo più lungo potrò vedere se è una deriva e quindi eliminabile dal risultato che scenderebbe cosi di valore o se anch'esso è periodico.
Ho poi scoperto che impostando un tempo di ripresa di almeno 0.5s avrei ottenuto un grafico + lineare, con il tempo da me messo di 0.2 ho sommato anche lo correzioni di PHD sul seeing. Mi riprometto di fare un altra prova non appena sale un po' la temperatura e si schiarisce, ma dovrò aspettare un po' perchè al momento sta nevicando e ci sono già 50cm di neve in giardino.