Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Portuguese Russian Spanish

Protuberanza gigantesca di Marzo

Devo ammettere che negli ultimi giorni il tempo ha concesso alcune belle giornate ma la stanchezza mi aveva sempre fermato, oggi però dopo aver dato un'occhiata al network dei satelliti solari ho notato una grossa attività sul bordo, con una bella proteberanza in veloce evoluzione e così durante la pausa pranzo mi son deciso a riprenderla con lo scopo di assemblare una breve animazione. Era un po' che non ne eseguivo una quindi mi sono limitato a catturare brevi filmati di 40 secondi ad intervalli di un paio di minuti coprendo così un periodo di un'ora.

Ho anche fatto alcune riprese con la barlow per vedere qualche dettaglio e nella media il seeing non è stato tremendo come pensavo, considerando la giornata particolarmente calda. Solo verso la fine della sessione fotografica la trasparenza e seeing sono peggiorati, e forse si noterà nell'animazione.



Entrando più nel dettaglio ho scelto i migliori 200 frame per ciascuna ripresa di 40 secondi per sommarli ed otterne il master frame della animazione. Dopo averlo passato ai wavelet su Registax l'ho poi regolato e ripulito in photoshop ed infine elaborato insieme agli altri master frame ottenuti allo stesso modo così da evidenziare l'evoluzione della protuberanza. Dati alla mano il soggetto questa volta era particolarmente notevole, con un arco di plasma che raggiungeva i 250.000 Km, veramente impressionante, avessi avuto più tempo sarebbe stata da seguire per almeno un altro paio di ore.
Qui sotto trovate il filmato ma vi consiglio di guardarlo a piena risoluzione su youtube.


Nuova protuberanza per Natale

a7.jpgL'atmosfera nataliza ieri mi ha spinto tornare in ufficio in ritardo per montare il telescopio e dedicarmi un'oretta al sole. Ultimamente la foschia mi perseguita e le poche volte che il cielo si presenta passabile il sole non mostra dettagli che mi piacciano. Questa volta però una bella protuberanza faceva bella mostra di se, proprio quello che aspettavo; da tempo volevo riprovare a creare una breve animazione sulla evoluzione di una protuberanza ed ho potuto così fare qualche esperimento su diversi metodi di acquisizione.

Ho persino dimenticato di fare le classiche riprese per assemblare il mosaico del disco tanto ero focalizzato sulla cosa.
Avendo verificato che il seeing non era totalmnte da buttare, ho voluto acquisire i dati principali con la lente della barlow montata; metodo classico, 30 secondi di riprese intervallati a 2 minuti per un'ora, con tempi esposizione che son partiti con 50ms di esposizione per arrivare a 69ms sulle ultime.
Avendo incominciato dopo pranzo il sole era già bassino ed il seeing nelle ultime sequenze si era evidentemente compromesso, ho cosi deciso di togliere la barlow per fare qualche prova a fuoco diretto cambiando gli intervalli di campionatura, non avendo però un confronto diretto con il metodo classico usato con la barlow mi astengo per il momento a tirare conclusioni ed aspetto di trovare un altra giornata decente per poter fare nuovi test mantenendo sempre la stessa focale. Nel frattempo farò qualche esperimento su come trattare i dati raccolti con le diverse campionature per ottenere risultati simili tagliando magari qualche passaggio visto che il mio intento è quello di ottenere una maggior campionatura dell'evoluzione per avere più frame da assemblare nelle animazioni e quindi corrisponderebbe molto più lavoro sui singoli spezzoni.

Qui sotto potete invece vedere il risultato dell'ora di ripresa con il metodo standard che uso anche per la cromosfera.
Il risultato non è malaccio direi, l'evoluzione e il moto del splasma è evidente.




Micro turbolenze sulla superficie del sole (NOAA 1289-1293)

Avevo deciso di seguire l'evoluzione di questa zona attiva avendo visto che più volte nella sua permanenza sul nostro lato del Sole aveva dato spettacolo. Purtroppo nella classica ora in cui l'ho seguita non ci sono state eruzioni o cambiamenti significativi ma avendo comunque fatto tutto il lavoro di ripresa ed elaborazione era un peccato non finire il pacchetto e pubblicarlo.
Così eccovi questa breve animazione in cui a piena risoluzione si possono notare i micro cambiamenti, "piccole" fiamme nascono e muiono in continuazione ovunque dando quel senso di vivo alla superficie del Sole.