Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Portuguese Russian Spanish
  • Grande protuberanza in distaccamento

    Grande protuberanza in distaccamento

  • Eclisse solare in alta risoluzione

    Eclisse solare in alta risoluzione

  • Close-up sulla NOAA 2192 con filamento

    Close-up sulla NOAA 2192 con filamento

Grande protuberanza in distaccamento

Grande protuberanza in distaccamento Oggi finalmente sole dopo tutta l'acqua degli scorsi giorni.Avevo visto la presenza di un paio di protuberanze e cosi ho voluto provare a fotografarle; seeing medio buono a dispetto di ogni mia aspettativa, essendo già in arrivo altra perturbazione.Ho da subito fotografato una bella protuberanza dal... Read more...

Eclisse solare in alta risoluzione

Eclisse solare in alta risoluzione Non avendo un telescopio con focale abbastanza corta per riprendere il disco intero, mi son soffermato a cercare sul Sole qualche zona interessante che mi permettesse di inquadrare comunque una porzione di ombra. Qui sotto si può vedere il transito della Luna a fianco ad una protuberanza ad anello s... Read more...

Close-up sulla NOAA 2192 con filamento

Close-up sulla NOAA 2192 con filamento Ieri nella pausa pranzo son riuscito a fare un paio di riprese. La dimensione della regione attiva è notevole, persino con il riduttore a 3 metri stava al pelo nel sensore, per cui ho deciso di fare questo mini mosaico in modo da avere un minimo di superficie intorno al soggetto.Si nota una vera giu... Read more...

Protuberanza ad anello a seguito di brillamento solare

L'animazione rappresenta un dettaglio del sole con l'evoluzione di una protuberanza in 50 minuti di osservazione.
Immagini scattate con un rifrattore 100 ED con un filtro h-alfa Daystar ad una focale di 2400mm.

Questa volta si può vedere una luminosa protuberanza attiva a forma di anello nata al di sopra di un grande brillamento solare, visto sul bordo del Sole in luce H-alfa. Essendo il movimento molto veloce ho scelto di fare dei time-lapse brevi con pause di 30 secondi e riprese di 20 secondi per guadagnare qualche frame più valido a causa del seeing non buono.
Guardando le immagini di SDO nella lunghezza d'onda UV estrema si possono osservare le regioni ad alta energia coronale e vedere le strutture ad anello del campo magnetico che supportano il plasma delle protuberanze.

Per avere una visione di quanto grandi sono quelle strutture, diciamo che potremmo sovrapporre 6 pianeti Terra per raggiungere la cima dell'arco.

 

Giove con Celestron 11 XLT

Dopo dieci giorni di clausura per influenza sono riuscito ad organizzare una serata astrofila con un amico che doveva testare una sua webcam planetaria. Dopo aver montato il C11 e preparato l'attrezzatura, in attesa che facesse buio abbiamo osservato anche la base spaziale ISS transitare di fronte a noi bassa all'orizzonte.
Il seeing di inizio serata era buono e ci ha permesso di collimare l'ottica che dopo il trasporto era fortemente fuori asse. Purtroppo quel modello soffre molto il trasporto e lo spostamento veloce da un angolo all'altro del cielo, infatti abbiamo ripetuto la collimzione diverse volte nella serata.

Come detto all'apertura delle danze Giove si è dimostrato ricco di dettagli in visuale ed abbiamo proceduto alla cattura di alcuni filmati con le due camere a colori di Alessandro ma visto che il seeing sembrava onesto l'ho convinto ad usare anche la mia chameleon mono con la ruota portafiltri. Devo ammettere che la sua montatura più robusta ha messo in luce la fragilità della eq6 con c11 nella fase di cambio filtro sulla ruota manuale: sulla mia montatura giove si spostava considerevolmente mentre sulla sua a forcella era quasi immobile e vibrava solo leggermente mentre toccavo il treno ottico; in passato ho posseduto per alcuni anni questo modello ed in visuale mi ha sempre dato soddisfazioni.



Durante le riprese il seeing è gradualmente peggiorato e dopo la pausa per cena la differenza era notevole, forse causato dal passaggio a temperatura sotto lo zero, il risultato è che i canali del verde e blu già scarsi all'inizio  erano ora privi di qualsiasi dettaglio. Lo si nota chiaramente dalla immagine ricavata a fine serata, dove però si notano variazioni di albedo sui satelliti.


Read more: Giove con Celestron 11 XLT Read more: Giove con Celestron 11 XLT Read more: Giove con Celestron 11 XLT Read more: Giove con Celestron 11 XLT Read more: Giove con Celestron 11 XLT